This is what I will write: some thoughts, some stories, some of myself. The way I see the way of life. It is just me, my views, my opinions, my way of saying, my way of writing. My spirit, my fire, my love and the freedom of being myself.

Addio mio adorato papa'

Monday, August 08, 2016

Vittorio Callovini 17. 01. 2017
 
Sei volato in cielo con gli angeli

Ti ho lasciato andare con la leggerezza nel cuore
ora rimane la tua sedia vuota
e un pesante profondo dolore dove prima c'era amore

in quell'urlo disperato sento il tuo sussurro

che nostalgia non vedere piu' la tua ombra 
sotto il sole.

Niente consola chi rimane quando sorella morte ti tocca 
solo le lacrime possono addolcire
 questa secchezza del cuore 
la consapevolezza 
che vivi in me 

Milena


Labels: , ,

posted by Milena at 3:31 AM 0 comments

8 January 2015

Friday, January 09, 2015

My 31st anniversary:

Silence and a gentle pain in my chest,  tears,
a reminder of a bigger pain at a young age
nothing now is comparable to back then

a sense of utter solitude, lost in a world of sterilized white colour
the eyes could not see
but my mind was roaming around lost and in despair.

a presence next me like a sweet angel: my mother

what do the people know about me:
absolutely nothing

they think they understand they nod in piety
they seem to show empathy
but I can't shake off this feeling of utter indifference
I learned over the years to not talk about it.

Only when someone has lost a dear one I attempt to reassure
for the little I saw at the door of the bejond
there is nothing to fear
that the most exquisite peace is  awaiting for us.

And the living are still in suffering missing excruciatingly the departed one.
Maybe a little comfort in my words, yet again I am not sure they can grasp that really there is nothing to worry about the other side.

It is remaining here that is a bummer.
Every one has to carry its own cross....
and not complain about it.



Labels: , ,

posted by Milena at 10:37 PM 0 comments

Nel ricordo di Ernesto Gius

Thursday, December 11, 2014

In volo


Sei passato come una freccia nel vento,
la tua vita e' stata breve e turbolenta
hai cercato le risposte e non ti sei fermato davanti a nulla 

La dolcezza nei tuoi occhi da bambino
rivelava l'inquietudine a rimanere qui.
E ora il silenzio avvolge la tua anima 
cullandola nella pace
che hai sempre desiderato trovare

Vai Ernesto, 
vola libero e felice 
con gli angeli lassù dove non c'e più sofferenza
ma dolcezza infinita
                                                    (Milena)

                       

Labels: ,

posted by Milena at 4:28 AM 0 comments

Reflection in the redwood

Tuesday, October 14, 2014





We are like precious drops in the vastness of all the oceans.

Like a single snowflake in the majesty of Himalayas 
  
Do we ever look to the stars and wonder if we can live there? 

And how is it to look down from their perspective?

So small we all are 
so why bother?

Labels:

posted by Milena at 11:17 PM 0 comments

30 years later. 8 january 1984

Wednesday, January 08, 2014

How can I describe the most absurd story that ever happened to me.  Today is Sunday and it is 2 weeks I am lying in the Intensive care. Today I am terribly down. Many months I have to wait before I can be as I was. I will never be as I was. I have scars all over my body. And the pain, my legs hurts so much. They will take a very long time to heal.  If ever...Who will help me?..

This an extract of my diary actually my first few sentences written with my left hand as my right was paralyzed because of one of the many terrible  bone's fractures I suffered. I gave up writing after those few pages. It was too much of an effort.

And today I celebrate my 30th anniversary of that life changing event.
And my life has not been the same as before the accident.

Thirty years. A lot has happened. And I am still here fighting and kicking and dealing with discomfort and pain in my body. But who doesn't? It is just a body. I learned in that hospital bed where I laid for 6 months that I  can watch my body, that I can relax with whatever pain troubles me. Not without effort and not without wetting my pillow. Rivers of tears flew down my young face, especially in the night, alone in a foreigner country faraway from my family and friends. My mother moved to Aix en Provence to be with me, but even she had to sleep in her hotel in the night.

I was only 22 years old. All my life in front of me. And what a life...

The nights were long, endless, I never felt so helpless like I did in that time. I never felt so alone and so  small. For weeks and weeks my only position to sleep was flat on my back, I could just only turn my head to the right and left. Anything else was impossible and terribly painful. Stoic and spartan like a true warrior and a mountain girl as I was I refused to take any sleeping pill or painkiller.  And so I laid there and thought and prayed and kept on breathing and crying.
Eventually dawn came and the nurse's morning shift and another day began.

I haven't forgotten. Perhaps people that knows me don't remember this or is not at all important for them but let me tell you, those people including closest friend know nothing about me.
I can never forget. It is a part of me
It has been now 30 years and I can still tell the story although I hardly have a desire to do so because I find that people are not very interested in listening to such an experience and tend to interrupt, interprete or talking about themselves. So is my secret. Sometimes I write about it usually once a year on this day.

Yes it  is my secret and will always be my secret, 
angels whispering, 
and wings flying, 
light and darkness and light again
how many ways can you say thank you to the Above
for the chance to stay a little longer
to learn to dance your own dance
to be able to say 
I lingered for a moment on the doorstep of the beyond
and knowing that there is nothing to fear.



Labels: ,

posted by Milena at 2:34 PM 3 comments

Best wishes 2014

Monday, December 16, 2013

Milena and Driek are wishing you


Labels:

posted by Milena at 12:04 AM 0 comments

"A piedi nudi sulla terra" di Folco Terzani

Wednesday, August 22, 2012

Per  miei lettori che parlano italiano, visto che il libro e' solo in lingua italiana.

A piedi nudi sulla terra si cammina meglio. Milena

Bello! Una lettura simpatica che mi ha fatto ritornare indietro ai miei tempi in India assaporando tutto ciò che di straordinario e magico ho vissuto in quel grande paese.
Baba Cesare raccontato dalla penna frizzante e sincera di Folco Terzani figlio del famoso Tiziano il cui vissuto non e' dei più' leggeri da ereditare, vive una vita molto "anti corrente" dalla sua adolescenza fino alla sua si può ormai dire vecchiaia. La storia di un uomo nato per sbaglio in Italia e che ha fatto dell'India la sua vera casa, nel vero senso della parola. Chi conosce l'India sa che se la si ama profondamente e' difficile starne lontani. Lo vivo sulla mia pelle il dolore del distacco fisico dalla grande Madre spirituale della terra. Una terra che Gandhi aveva dichiarato indipendente e che ora, almeno già' da vent'anni possiede come simbolo della sua libertà' la bomba atomica. Così' e' l'India tutto e' concesso e tutto e' ammesso. Come nella vita di questo sadhu  ( colui che ha rinunciato a tutto - asceta) dalle origini italiane che non si trova a vivere in occidente e per caso e forse  per un po' di volontà' sua si mette alla ricerca non sapendo ancora cosa cercare. E cammina a piedi scalzi per l'India incontrando gente sulla sua onda e diventando dopo anni di "tirocinio spirituale" un vero sadhu.
Certo baba Cesare veniva da un passato di stupefacenti negli albori di un Italia che scopriva la marijuana, l' hashish, l'eroina e la morfina. Erano gli anni sessanta e settanta.
E pur avendo rinunciato  "alle cose della vita mondana" non ha smesso sesso e nemmeno di fumare. Ma nella sua setta di sadhu questo e' concesso. E i sadhu sono famosi per fumare la charas.  Il libro di Folco T. fa sorridere, sicuramente me dove ritrovo nella sua narrazione  un' India di hippy quegli occidentali e di sadhu quelli orientali. 

Mi ricordo che più' di vent'anni fa camminando da sola lungo il fianco della montagna di Kedarnath per raggiungere in pellegrinaggio uno dei templi piu' sacri dell'India dedicato a Shiva, ho incontrato molti di questi sadhu. E mi sono fermata con loro perché' ci si ferma come gli altri pellegrini a fumare charas e bere il chai che ti offrivano. E così' tra un chillum e un 'altro ce l'ho fatta ad arrivare alla cittadina che custodisce il tempio a più' di 3500 metri di altitudine. Il percorso che si stagliava a zig zag su per la montagna era ricco di queste grotte e insenature nella montagne che coloravano di arancione come i loro abitanti il paesaggio mozza fiato della montagna.
Che simpaticoni i Sadhu, sempre a ridere e a parlarti di Bhagawan ( Dio in Hindi).
On the way to Kedarnath temple. Sorry for the quality of the picture

Avevo lasciato il resto del gruppo con cui stavo esplorando l'Himalaya indiano nel villaggio di Gaurikund e avevo deciso di partire da sola senza dipendere da nessuno. La partenza alla mattina e' alle sei e come in una processione cristiana ci si arrampica su questa montagna per 14 chilometri uno dopo l'altro. Ero stupita per la prima volta ho visto uomini che portavano in un  cesta sulla schiena altri pellegrini, forse troppo pigri o altri magari ammalati. Certo si pagava una cifra per questo taxi umano, ma io mi sono detta piuttosto su un cavallo che su un uomo. Non potrei mai per coscienza sentire uno che suda e fa fatica sotto di me e come un imperialista inglese pagarlo perché mi porti. Che orrore. Ho preferito sudare le mie di camice e al ritorno la stessa giornata prendere un cavallo. Che avventura stare sul a groppa di questo enorme cavallo lungo sentieri che scendevano al bordo di precipizi. Una scivolata del mio caro cavallo e avrei raggiunto Shiva o meglio il mio di Dio, nell' aldilà'.

I have arrived outside the village of Kedarnath temple at 3500. ( May 1990)

Ho faticato, ero fuori allenamento, vivere nell'ashram di Osho certo non mi preparava a fare trekking in montagna, in più avevo i miei soliti problemi alle ginocchia che da quando ho avuto l'incidente mi accompagnano sempre. Che viaggio bellissimo una camminata in mezzo a queste montagne dove potevi osservare i picchi imbiancati del pre Himalaya. Io che camminavo con molti altri indiani che non conoscevo ma con cui mi sentivo molto vicina. Ogni passo era la gioia di sentirmi più vicino a Dio. E' li che ho realizzato come amo profondamente l'India. Un giorno forse ci torno in quel villaggio di montagna dove ho lasciato un pezzo di cuore negli occhi di un indiano che faceva i chapati ( il pane indiano).

Il libro di Folco  Terzani "A piedi nudi sulla terra" mi ha anche fatto rivivere quei solitari momenti sulla spiaggia di Arambol a Goa dove il suo Baba  Cesare aveva fatto la casa (una capanna nella giungla vicina all'oceano), e come era deserta e tranquilla quella cara spiaggia. 
Vedendo delle foto in internet della stessa spiaggia mi si appesantisce il cuore. Tutto e' cambiato, non c'e' più' quell' aria selvaggia e se vuoi da sadhu come allora. Sono felice che ci sono stata negli anni ottanta e inizi del novanta prima che diventasse un' altra spiaggia di Goa sfruttata turisticamente e l'itinerario dei nuovi hippy a passare le notti a fare trance dance. Leggere le pagine di Folco e' stato un po' come tuffarmi nel mio bel passato e ancora una volta provare riconoscenza per tutto cio' che ho vissuto nella mia amata India. Non sono i ricordi della mia vita nell'Ashram di Osho a farmi sobbalzare il cuore e sentirmi così' vicina al mondo indiano invece sono tutti gli altri posti che ho esplorato fuori dall'Ashram. 
Nell'Ashram i più' bei ricordi sono quando si andava al discorso di Osho la mattina nella sua casa a Chuang ta tzu, era l' 87 e '88. E poi dopo la sua morte nel gennaio del 1990 nella cella frigorifera: una stanza con il pavimento di marmo e il soffitto con lampadari di cristallo, una vetrata a forma semicircolare che si affaccia sul giardino selvaggio. Questo e' il samadhi dove sono depositate le ceneri di Osho sotto una scritta che dice: "Never born and never died". Mai nato e mai morto.
Il silenzio e' solo interrotto dall'aria condizionata e dai suoni dei strumenti indiani dei musicisti. E l'unica cosa che rimane da fare e andare dentro di se' e lasciarsi trasportare in profondità' dove si può incontrare Dio. Per fortuna non ho bisogno del Samadhi di Osho per raggiungere questo, ma dovunque sono posso chiudere gli occhi e entrare in preghiera.

Chi ama l'India deve leggere questo libro di Folco Terzani e poi trarre le conclusione che vuole. Io personalmente l'ho letto con grande passione in un momento della mia vita questa estate dove amici e familiari morivano accanto a me'  come gocce di rugiada al mattino si asciugano al sole e avevo estremo bisogno di sentire la terra nuda sotto i piedi per ricordarmi che esiste solo la realtà' del presente e che il nostro passato ha dato le radici al nostro presente come il momento di ora formerà' il futuro. Così' salivo sulla montagna sopra il mio paese che si affaccia sulla valle di Non e mi sentivo vicina alla mia India toglievo i scarponi e rimanevo a piedi nudi sull'erba o roccia e dopo aver letto alcune pagine chiudevo gli occhi. E poi solo il silenzio.
Sopra il paese di Fondo.

Labels: , , ,

posted by Milena at 11:13 AM 0 comments

Cracks of the heart (short autobiographical story)


Dedicated to Thomas E. Heydel
This short story came out on a writing workshop in november 2011 with Lisa Friedman in Amsterdam. The homework was to create a very short story based on a real experience. The trigger that was supposed to inspire our writing was a song.
I can't recall the song, but the first few words were about thorns in the heart. Oh well I said what did hurt me was certainly the story with Thomas. So here it is. Short, concise and very to the point. It doesn't need more words. I already wrote too many for him.

"I wish the memory of that friend was not stinging so much in my heart. It was for long time a thorn ripping me apart, bringing me to bleed in silence, with my soul imprisoned behind steel bar. This is how I felt when my heart and my pen were pouring out words of encouragement, support, inspiration and love. Anything to make his loneliness if not disappear at least to soften its grasp. To make him feel loved. It was as if my chest was too small to hold the wave of warmth in my heart. A fire from within that could not be contained or controlled. It hurt and I surrendered.
Little did I know when I received his first letter pleading for help, a scream from prison to come and rescue him. Little did I know that that letter became the first of thousand emails heavily scrutinized, that we exchanged on prison terms. Maybe I knew somewhere inside I was embarking on one of the most mystical experience ever in my life. It was one of the most inspiring, rich and rewarding time in writing. Every words I read from him or that I wrote to him was breathing its own life jumping out of the page and kissing our essence. I was warned by Viktor E. Frankl book  “Man’s search for meaning”. However I say yes. He promised me the moon and yet he was not even able to come and see me upon his release. He swore eternal gratitude and called me angel and sweetheart, and yet he forgot me completely without a simple thank you eye to eye.
The only time I saw him was two years before he was sentenced to 22 months in a Federal prison, when on its way to Germany he asked me to stay in mine and my husband’s place in Amsterdam.
I could never have imagined that I would find a very special form of love in a dungeon. Although I was never in prison I had a deep sense of how he was feeling inside that black hole. Day and night my life went for a rollercoaster drive, or perhaps on a magic carpet, forgetting time’s zone or even to sleep. Soon I found myself involved in the most exquisite love affair without the earthly sexual aspect. It was as if we both were wrapped around a gentle rosy cloud, where even the stinking latrine of his cell smelled of cookies, cinnamon and baked apples.
And this is how I like to remember him. A friend that asked for help and my hand stretched out to offer it. Never mind the pain that came with it. I have my own quote to help me through that:

Few days ago in august 2012 on the third anniversary of  the day Thomas came out of prison I took all of his hand written cards  he sent me from prison and HWH and burned them in a fire. And once again I felt liberated. What was really happening cannot be forgotten.


Labels:

posted by Milena at 5:47 AM 1 comments